Per CSInnamora di Sport quest’oggi si parlerà di un argomento più noto per il detto “stai dritto con la schiena” che per il suo esatto termine: postura.

Comunemente alla parola postura si associa la posizione assunta dal nostro corpo in posizione eretta, ma in realtà questa non è la sua definizione completa.

La postura è la posizione dei segmenti corporei nello spazio e la relativa relazione tra i suoi segmenti. In parole povere è la posizione che le varie parti del corpo umano assumono nello spazio in relazione alle varie parti e può essere in stazione eretta, da seduto e da sdraiato (prono, supino e laterale).

A seconda dell’allineamento tra loro delle varie parti del corpo la postura può essere corretta o scorretta.
In linea generale, la postura è corretta quando tutte le parti del corpo sono allineate con quelle adiacenti, bilanciate e sostenute correttamente.”

Questo è quanto inizia a spiegarci il dott. Giulio Incerpi, tecnico ortopedico esperto in diagnostica posturale, durante l’intervista che gentilmente ci ha concesso per la nostra campagna CSInnamoradisport e che riporteremo integralmente qui di seguito.

Parleremo di postura nella vita di tutti i giorni e di postura nello sport.

“Per verificare se si assume una postura corretta occorre stare in posizione eretta e tracciare una linea partendo dal lobo dell’orecchio alla spalla proseguendo verso l’anca, il ginocchio sino al centro della caviglia. Se questa risulterà una linea retta la postura potrà definirsi corretta.

Tuttavia, siccome durante la giornata si assumono anche altre posizioni (seduti, sdraiati, chinati e piegati) è importante imparare a non commettere errori e ricordarsi che ogni volta che si cambia posizione il consiglio è di farlo adottando movimenti fluidi e dolci, mai bruschi.”

Quanto appena detto ci dà l’idea di quella che dovrebbe essere una postura corretta e di come cercare di mantenerla durante la vita di tutti i giorni senza commettere i cosiddetti “errori posturali”.

CSINNAMORADISPORT

Come si può identificare invece una postura scorretta?

È sufficiente analizzare la postura assunta durante il giorno (ad es., quando si è seduti alla scrivania, davanti al computer, quando si sollevano oggetti pesanti, quando si è in fila alla posta) e ripetere le osservazioni a intervalli regolari. Ciò permetterà di riscontrare quando e in quali circostanze si assumono posture scorrette e in seguito di correggerle, fino a quando il meccanismo di correzione diverrà automatico.

Per farlo potrà risultare utile chiedere a un familiare o a un collega di osservare la postura e di farlo notare ogniqualvolta si commettono errori. 

Questi sono gli esempi più comuni di comportamenti errati che necessitano di correzione per riguadagnare una corretta postura e un buon sostegno della schiena:

  • seduti alla scrivania assumendo posizioni inclinate in avanti con le spalle incurvate;
  • davanti al computer tenendo la testa sollevata o abbassata per lunghi periodi di tempo;
  • scivolando in avanti su sedie o poltrone, assumendo una posizione semi-sdraiata;
  • in piedi, assumendo atteggiamenti lordotici, che causano un infossamento eccessivo della colonna vertebrale nella regione lombare, proiettando indietro il bacino e curvando la regione dorsale;
  • dormire senza rispettare le curvature naturali della schiena, ad esempio con un cuscino troppo alto;
  • guidare l’automobile senza appoggiare la schiena al sedile;
  • portare pesi da un solo lato del corpo; 
  • sollevare i pesi piegando la schiena e mantenendo tese le gambe;
  • tenere il cellulare tra collo e spalla per avere le mani libere;
  • indossare calzature con tacchi troppo alti.

Questi sono esempi di comportanti errati nella vita quotidiana ma è importante tener conto degli errori posturali anche nella pratica dell’attività fisica. Non bisogna sottovalutare quanto la postura corretta sia determinante nello sport. A una postura corretta corrisponde, infatti, un minor dispendio di energie fisiche e un notevole aumento delle prestazioni sportive.

Come abbiamo già detto la postura è la posizione dei segmenti corporei nello spazio e che sul gesto sportivo ha un’influenza estrema. Le caratteristiche dei problemi posturali sono essenzialmente due: rigidità di alcune aree e tensioni muscolari anomale.
Una postura scorretta porta generalmente a provocare il problema sull’arto o sulla parte anatomica che si è fatta poi carico dello stesso. Apparirà paradossale ma è proprio così. 
Il "problema" porterà a compensarsi attraverso altre strutture e così via sino a quando le capacità compensatorie non saranno esaurite. A quel punto si avrà un dolore continuo che diventerà cronico e da tutt’altra parte rispetto alla causa che l’ha originato, magari dopo mesi o addirittura anni.
Inoltre, nell’attività sportiva muscoli e articolazioni vengono utilizzati energicamente e perciò certi disturbi tendono a rivelarsi molto prima rispetto a chi fa una vita sedentaria.

Quali possono essere le cause di una postura scorretta?

Le cause possono essere tante e varie. Tra queste ad esempio le aderenze da intervento chirurgico, la malocclusione dentale, problemi dell’occhio e dell’orecchio e non ultimi i problemi del piede.
Inoltre è bene sottolineare che una postura scorretta oltre a essere conseguenza di cause specifiche può essere essa stessa segnale importante nella diagnosi della distrofia muscolare, di patologie neurologiche centrali o periferiche, di patologie ortopediche e reumatologiche.

Come scoprire se durante l’attività fisica si assume una postura scorretta?

Attraverso un esame specifico è possibile valutare la qualità dell’appoggio a terra dei piedi identificando le aree di maggiore e minore carico e misurare la pressione esercitata dal piede sul terreno. La distribuzione di questa pressione permette di valutare dati importanti sulla postura.
Vi è anche un altro esame più specifico col quale è inoltre possibile rilevare le alterazioni nell’allineamento delle spalle, del bacino, delle ginocchia e delle caviglie.
Anche se spesso è proprio con l’attività sportiva che i dolori legati alle problematiche posturali si fanno più accentuati, tali esami sono consigliati a tutti.

Il movimento corporeo è quotidiano a prescindere dalla sua intensità ed è importante avere la consapevolezza che una postura corretta ne migliora le sue prestazioni qualitative nello spazio ma soprattutto nel tempo.”

Grazie dott. Giulio Incerpi. Sappiamo che l’argomento “postura” è assai ampio e che questa è solo una piccola introduzione alla quale, anticipiamo, seguiranno ulteriori approfondimenti e utili consigli.

Per ora è importante aver avuto l’occasione di chiarirci e schiarirci un po’ le idee sulla parola postura che, ci auspichiamo, da oggi sarà per molti un po’ meno sconosciuta.

 

E' tempo di formazione

Centro Sportivo Italiano
Tesseramento online
Codice società:

Password:

Fondazione Banco di Sardegna

Istituto Credito Sportivo

Orthos Giulio Incerpi

Pes & Paolotti

Comunic@ Communications Agency

Time Out
la newsletter dello sportivo

Dove siamo:


Via Trento 39

09037 

San Gavino Monreale